News & Curiosità

Olio non filtrato e olio filtrato: qual è il migliore?

Il procedimento di produzione dell’olio di oliva termina sempre con un prodotto al cui interno, in sospensione, sono presenti minuscole particelle di oliva (polpa e nocciolo) che conferiscono il classico aspetto torbido dell’olio grezzo, appena franto. Se l’olio non viene filtrato queste particelle tenderanno lentamente a depositarsi sul fondo del contenitore in cui è immagazzinato l’olio (cisterna, bottiglia, latta, ecc.). La presenza di queste particelle, in un certo senso, è la prova di genuinità dell’olio. Inoltre la presenza di queste micro-particelle di oliva tende ad apportare un miglioramento in riferimento ai contenuti salutistico nutrizionali tipici dell’olio extra vergine di oliva. Un‘eccessiva presenza di queste particelle potrebbe ridurre in parte la conservabilità dell’olio a causa del loro processo di fermentazione. Per evitare questo rischio è bene utilizzare un olio non filtrato con mezzi meccanici ma sottoposto ad un’attenta attività di decantazione naturale, tale scelta consente di avere la garanzia dell’artigianalità del prodotto unita ad una migliore stabilità chimico-fisica ed organolettica dello stesso.

consegna gratuita2 servizio consumatori2

Questo sito utilizza cookie di profilazione. Per maggiori informazioni, leggi l'informativa estesa. Proseguendo con la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Normativa.